lunedì 6 luglio 2015

Che cos'è il fimo?!

Ciao a tutti, oggi voglio parlarvi della pasta Fimo.
Non tutti la conoscono, ma in molti la lavorano.
 
 
 

 
Il Fimo è una pasta sintetica facilmente modellabile e termoindurente , utilizzabile per la creazione di piccoli oggetti.
La sua consistenza lo rende adatto ad essere trasformato in oggetti rotondi, in fogli sottili o tagliato a strisce con un coltello. Non secca all'aria ma può essere indurito cuocendolo in un comune forno.
 
La pasta Fimo è in commercio in una vasta varietà di colori e di effetti, tra i quali:
  • Fimo classic: pasta abbastanza dura, che permette di fare lavori precisi, ad esempio come murrine, braccialetti, collanine e portachiavi, disponibile in vari colori;
  • Fimo soft: pasta più morbida, di facile lavorazione, disponibile in vari colori;
  • Metallizzato: pasta in colorazioni oro, argento e rame;
  • Granito: pasta in colorazioni effetto pietra, dal colore non uniforme;
  • Trasparente: pasta simile a vetro colorato;
  • Fluorescente: pasta per gioielli colorati, che si illumina al buio;
  • Perlato: pasta con effetto strass, per ricreare oggetti dal colore perlato;
  • Marmorizzato : pasta in colorazioni marmo.
  • Kids: più morbido poiché è destinato ai bambini.
  • Professional: è più duro e, tra tutti i colori classici ci sono i True Colors. È adatto ai lavori più complicati.
Cottura
Il fimo può essere lavorato a temperatura ambiente e non secca all'aria.  La fase di cottura è una fase delicata, poiché, se affrontata in modo scorretto, può provocare una cottura irregolare della pasta.
Il fimo va cotto a una temperatura di 110° per 30 minuti.
Dato che il fimo è composto da derivati del petrolio, se la temperatura è troppo elevata , o se se ne prolunga in modo irregolare la cottura, può sprigionare delle sostanze tossiche e cancerogene per l'uomo, che, depositandosi nel forno, possono intaccare gli alimenti. È buona norma comunque mettere il fimo sopra della carta da forno e utilizzare un termometro da forno per avere sempre sotto controllo la temperatura.

Si possono effettuare più cotture?
Il fimo può essere cotto più volte ad esempio per aggiustare crepe o sostituire pezzi rotti.

Ha una data di scadenza?
Il fimo non ha una data di scadenza, la durata minima è di circa 2 anni ma dipende dalle modalità di conservazione. E' consigliato conservarlo in luoghi freschi e asciutti in un sacchetto di plastica o in un contenitore ermetico.
In caso di indurimento esistono dei prodotti che permettono di renderlo nuovamente lavorabile come ad esempio il Mix Quick

 
Si possono mischiare i vari colori e i vari tipi di Fimo?
Non ci sono controindicazioni nel mischiare tipi differenti di fimo tra loro ad esempio il fimo classico con quello con effetto brillante.
Mischiando colori differenti si possono ottenere tutti i colori desiderati. Nella seguente immagine potete vedere come ottenere i vari colori:
 
 
Insomma col fimo si possono realizzare tantissime cose, dalle più semplici, alle più complicate.
Spero che questo post vi sia stato di aiuto, e se avete qualche domanda, lasciatemi un commentino, sarò lieta di rispondervi ^___^
 
 
 
 
 

1 commento: